VERSO HEARTLAND. OLTRE NOI, I MOVIMENTI POPOLARI E DEI FORCONI. INFILTRAZIONI, ECHI DI INSURREZIONI MANIPOLATE, PRONUNCIAMENTI e CONTRO GOLPE.

ALL’ORIZZONTE
VI E’ UN NUOVO ASSETTO, FALLITA LA GESTIONE PILOTATA DEL
DEFAULT E DIVENUTO INGESTIBILE PER ORA  IL PROGETTO MONDIALISTA  ?! 


 











1.
I MOVIMENTI POPOLARI E LA EVERSIONE MANIPOLATA, A QUARANTA ANNI DI
DISTANZA DAI “PRONUNCIAMENTI MILITARI” IN CILE, ARGENTINA E
GRECIA. 
La protesta innescata dai movimenti popolari riunitisi attorno ai forconi è  genuina,  in  quanto  nasce dai bisogni popolari, dalla necessità di ricostruire società ed economia  e di riprendere in mano legalità, istituzioni e rappresentanza nello Stato alla deriva.
Le ragioni visibili e legittime della protesta riposano nel fatto che  categorie  di commercianti, autotrasportatori, ma anche disoccupati e precari artigiani  studenti, o comunque persone varie non ce la fanno più ad andare avanti,  e ovviamente  rappresentano la gran parte  degli italiani che si trovano, ormai , nelle  medesime condizioni .
Ma vi sono poi  ragioni profonde storiche ,  politiche e strategiche che in realtà sono   ben presenti nelle fasce più sensibili ed acculturate dei movimenti stessi .
DI queste in particolare non si da conto nella stampa e nella informazione  ufficiale,  mentre viene data voce con interviste e servizi ad alcuni personaggi il  cui “ribellismo” populistico e le cui violenze verbali e condotte in crescendo aggressive, caricaturano,  nel tentativo di mimarla,  la insofferenza del popolo e la rabbia “rivoluzionaria” delle masse.
In  questi movimenti popolari , in parte cospicua spontanei ed  in parte  minore ma significativa “spintanei”,    si è andato  difatti infiltrando un    reggimento   di  provocatori  che hanno il fine,  e in taluni casi il compito specifico,  di usare metodi violenti  per  esasperare  la situazione e creare i presupposti di ben altro tipo di dinamiche storiche .
Ma i  capipolo fantocci , che nel loro linguaggio crudo e delirante destano anche  ironico distacco , per chi ben conosca storia eventi e contorsioni delle caste , fanno  da portavoce anche a reali forze sotterranee in agguato .
Secondo il più trito degli schemi eversivi si vorrebbero precostituire  le condizioni che  diano parvenza di legittimazione all’intervento forte autoritario di elite, anche militari, in  accordo con porzioni delle elite politiche e con i loro codazzi arruolati di professionisti ed altro.
Alle prime elite  subentrerebbero a medio termine le seconde, secondo uno schema banale,  che abbiamo visto ripetersi storicamente  più volte negli ultimi cinquanta anni .

2.
L’APPARATO SEGRETO ED INFILTRATO DELLA SUPERGLADIO CONTA SU UN
  
NON
MODESTO  ESERCITO DIFFUSO ED E’ BEN INSERITO ANCHE NEL MONDO
MILITARE .
 

Questo micro-esercito  occulto para-militare e para-civile è riconducibile  proprio a quella  SUPERGLADIO oggetto del nostro lavoro di analisi e denuncia  negli ultimi  due anni e  
mezzo . Si tratta di un  modesto numero di operativi e molti utili ma non affidabili .
Di una ” falange militare nera” peraltro vi erano prove precise ed anche della sua matrice  “massonico militare” ma sono svaporate nelle testimonianze ritrattate , a Milano ,  nel  corso del processo abbreviato avviato  dall’Aggiunto Spadaro .   Rimasta la banda armata, tuttavia è dato a noi far tesoro delle indagini portate  a  termine nel  2006,   tra Caserta e Benevento,  dalla locale Squadra mobile.  
Siamo di fronte, con certezza confermata dai proclami ed anche da notizie diffuse   e propalate rapidamente su personaggi ed uomini, ad una palese riedizione   della  strategia  della tensione, ma in epoca e con caratteristiche affatto nuove. 
Per ora  niente  stragi, mentre  siamo  in  un momento storico ed economico   grave,  paragonabile solo agli anni trenta del secolo passato.
Sono  l’onda storica e la frattura sociale ed economica a fornire la irripetibile  occasione  di una sovrapposizione pseudo  insurrezionalista, preparando le condizioni ottimali per un ulteriore  possibile   “pronunciamento  visibile” all’interno dello dello  Stato  . 
VIsibile, perchè quello sotterraneo e già strisciante , ha fatto passi da gigante nel  silenzio di stampa ed informazione e degli apparati statuali, facendo strame  della  indipendenza della magistratura e letteralmente i alcuni casi alterando ed in altri “potenziando” il dna ( la struttura della cellula che contiene il sistema codificato delle istruzioni dinamiche della vita ) di alcuni  vertici  e settori di corpi militari e di polizia giudiziaria.   Ovviamente la “politica” viene tenuta più che in pugno per  le ….. ( o meglio i residui moncherini degli oggetti sferici ) .   
L’infiltrazione di questo  apparato e le attività di proselitismo, controllo,  irretimento e ricatto  erano state portate avanti con metodologie sofisticate   e dispiego di risorse, a spron battuto, da almeno venticinque anni .
E’ lecito poi  ipotizzare che traffici illeciti di rifiuti speciali e tossici e di materiale   radioattivo , traffici di armi e di stupefacenti abbiano potuto contribuire al   finanziamento organizzativo di alcune di tali attività  ( a Benevento emerse  un  “finanziamento   globale di un  milione di euro per la falange nera destinata ad intervenire in uno Stato Africano; ma a memoria mi sembra non risultasse,  nel corso delle indagini,  di provenienza  diretta illecita da traffici).
3.
L’OBIETTIVO ERA ED E’ QUELLO  DI INNESCARE  UN PRONUNCIAMENTO DELL’APPARATO PIU’ LEGATO AL MONDO 
MILITARE,  LASCIATO QUIESCENTE MA  COSTRUITO PER DECENNI
ARRUOLANDO, FORMANDO, IRRETENDO E SPERIMENTANDO ?!

Nella conferenza stampa del giugno 2011, con  non troppi elementi , narrai del  carattere eversivo e infantilmente golpista di alcuni appartenenti alla  psico setta militare “rinvenuta” tra le mura domestiche del quartier civil militare della Cecchignola. Raccontai   delle metodologie di “uso ” di una particolare donna, attuate nel particolare “circuito”, oltre a descrivere ciò che era  stato fatto a me per cercare di distruggere “il” magistrato Paolo Ferraro nella veste  di “Supertestimone” denunciante e poi di pericoloso “analista” che voleva capire sino a fondo. Fornii la concreta  indicazione delle eccellenti coperture  collusioni e  compartecipazioni,  preoccupanti perchè coinvolgenti attivamente nomi ed uno snodo centrale della magistratura italiana,
Indicai anche,   a livello politico-economico, quello che con tutta probabilità questo apparato, unitamente a “servizi” ed associazione, nazionali ed  internazionali,  aveva messo in conto che sarebbe avvenuto e dedussi che questo evento era “atteso”  consapevolmente . 
Ora che è arrivato il momento presagito o individuato da me e da loro atteso, molte condizioni appaiono per fortuna radicalmente modificate :  crisi geopolitiche, accelerazione incontrollata del default per errori gravi di impostazione   politico finanziaria, impossibilità di portare   a termine , quantomeno nei tempi necessari  e programmati,  il progetto  mondialista a sua volta incrinatosi per eventi che dovrebbero coinvolgere Europa e USA ed i loro sistemi direttamente ,  e la messa a  nudo delle metodologie e presenze di  questo apparato occulto ( anche grazie alla nostra diuturna opera ),  indicano  che oggi non va liscia certo per questo apparato . 
Ed anche la “condivisione” sulla quale si era poggiata la potenza sotterranea del tutto si sta pian piano sgretolando … e riprendono vigore le due anime diverse :  quella ateo laica massonico deviata e un attimo anche “satanista” ed anticattolica alleata con le massonerie cattoliche infiltrate nella Chiesa e con minuscole aree esoterico orientali , e la anima massonico nazionale e nazional sociale da sempre tradizionalmente infiltrata e gestrice della intima essenza  dello Stato in una visione piccolo borghese più o meno reazionaria.
In mezzo e fuori dai mondi massonico borghesi  noi,  la gran parte della gente,  la anima laico socialista e cristiano popolare   in una ormai visibile storica alleanza e vicinanza con quella anima anche cattolico tradizionalista e socialista nazionale che si riconnette però alla pura identità sociale di percorsi passati e che sceglie valori religiosi ed umani al primo posto .
A cavallo su tutto questo  , i partiti tradizionali, trasversali nell’inganno ideologico di una loro presunta a millantata verticalità ideologica e nel gioco a rimpiattino e baro delle “sub-caste politiche”. 
Ad entrambe le  due aree  sotterranee estremamente variegate suindicate  appartengono le persone, elite ristretta,  riconducibili  alla “SUPERGLADIO “. 
Una SUPERGLADIO  che non ha connotazioni cromatiche univoche e comuni , oltre alla ideologia totalitaria e violenta e intimamente elitaria che ne contraddistingue gli appartenenti di elite . 
Essa   fu rifondata ab imis , all’indomani della caduta del muro di Berlino  condividendo preesistenti risorse , come disse e scrisse anche Cossiga, tramite un patto di pacificazione ( ed archiviazione ) su  gladio rossa e gladio nera .
Ad essa SUPERGLADIO,  appartengono persone individuate, ed individuabili con ruoli e metodi individuati , e ad essa è riconducibile attraverso vari e piattaforme e realtà associate, una diffusa “milizia”   di  consapevoli, collusi e impauriti esecutori , spesso inconsapevoli ed ancor più utili perciò. 
Ma    la “massa” ne è stata avvisata ed è oggi accorta .
TRa i nuovi miracoli,  in breve tempo e negli ultimi tre anni, si è arrivati al tetto odierno del 47 % degli italiani che ricorrono  esclusivamente ad  iNTERNET, per informarsi quotidianamente . 
E’ in questo nuovo contesto che la terza ipotesi ( o FASE C) di un intervento esterno forte (cruento a sua volta) destinato a resettare “il caso  Italia “ e una parte degli apparati sotterranei che lo hanno gestito e creato , non appare più strampalata nè solo suggerita per ingannare in tutto od in parte . 
Ciò potrebbe costituire una svolta importante , che apre le porte ad una nuova fase storica ed alla idea di una Europa più incentrata su un asse proprio e in alleanza con la parte occidentale di Heartland , il cuore ed il blocco europeo ed asiatico più occidentale,  unificato anche dalla comune cristiana identità e dalla alleanza con il mondo arabo nazionale. 


Una
parte di ciò che accade nasce anche dal nostro sacrificio e
contributo di denuncia ed analisi oggettivato e puntuale . 
E si stessimo azzeccando su una (non ) mera previsione strategico geopolitica .. ?!?! 
Quadro che cambia,  chiodo che si ripianta, ma occorre riprendere tutte le misure .. insieme. 

Paolo
Ferraro
 


BREVE
GLOSSARIO
EVERSIONE :
da “evertere”,  strappare con forza, sradicare strappando
pianta e tutte  le radici . Nel sostantivo c’è sia il “togliere
da ” ( suffisso “e” ) che la violenza  “vis”
 . 
EVERSIONE
NON CONVENZIONALE E CONVENZIONALE
: si può evertere con
gli omicidi , gli attentati , le stragi , i pronunciamenti militari o
con sofisticate forme di violenza ed accerchiamento che lentamente
stritolano nelle spire di una complessa macchina uomini, donne,
valori,  istituzioni , apparati e società per concentrare il
potere in apparati  sottostanti e non visibili scalando i gangli
essenziali delle istituzioni attraverso uomini “propri” e
manipolando masse ed individui attenzionati . La forma più intrigante e duale di
eversione convenzionale visibile è quella di  chi si traveste nell’agire,  con  valori popolari e  linguaggi similari, mentre
agisce per conto di caste , poteri forti, elite militari,   cui
appartiene o dai quali è arruolato. 
GOLPE
STRISCIANTE, SOTTERRANEO E PRONUNCIAMENTO MILITARE DI CASTE E POTERI
MILITARI
 : l’opposto simmetrico di una
rivoluzione popolare e vieppiù democratica , ma veste panni similari
ed utilizza linguaggi similari quando diventa  “pronunciamento
“. Prima veste i panni formali ed il linguaggio formale
della”democrazia” apparente . Ha i suoi massimi risultati
se riesce a restare invisibile e segreto .  Una volta rotta la
segretezza ed analizzate e portate a conoscenza delle masse le sue
modalità operative,  esce allo scoperto e manifesta la sua
debolezza che coincide con l’aver perso la stessa possibilità di
coltivare complesse tattiche sotterranee coperte e  con l’aver
perso “l’alibi della democrazia ” . Di solito tenta di
recuperare, dopo qualche anno,  ritrasferendo l’alibi e la
bandiera , come un passaggio di “testimone” , alle
componenti moderate della stessa elite.
RIVOLUZIONE
E RIVOLUZIONE PASSIVA
la rivoluzione non everte ma “volta
” le zolle e rende nuovamente fertile il terreno umano e  le
società usando la violenza che i rivoluzionari indicano come
legittima perchè rivolta a cambiare , al bene ed a sradicare il
passato Essa è in realtà il terreno eminente
della eversione e della eversione degli apparati già al potere,
perchè immensamente manipolabile a piacere e gestibile in qualunque
forma e per qualunque scopo  Inoltre la
illusione che la forma violenta della rivolta dia una risoluzione
profonda e reale ai nodi e problemi dell’uomo è la “spina”
nel fianco dei “rivoluzionari “. La rivoluzione passiva
consta invece dell’accettare e fare proprio il cambiamento,
ricostruendo assetti di controllo e potere che lasciano inalterato il
dominio di caste e poteri preesistenti : essa è tipica dei sistemi
democratici , nel bene ( conservo al continuità delle istituzioni e
innova ) e ovviamente nel male ( lascia  uguale a se stesso ed
immutabile l’apparto di potere e tende a  non far raggiungere i
risultati prefissi,  creando antidoti e aggirando in forme
sofisticate gli effetti delle modifiche introdotte ) 
RIVOLUZIONE
ATTIVA E PACIFICA
 .  La rivoluzione del
2000 in una società occidentale consiste dell’informare e formare le
coscienze, del prendere in modo articolato e dal basso  la
società e le redini sue attraverso la mobilitazione di tutti e una
consapevole conduzione generale del movimento degli uomini e delle
cose . rendendo inoffensivi e distruggendo gli apparati addetti a
deviare, controllare, accerchiare  sviare e via dicendo. Così
intesa , e attraverso una accurata pratica ed architettura della
democrazia dal basso, non deve perdere di vista  che il primo
obiettivo da attenzionare ed eliminare sono quindi i centri non
visibili del potere che manipola gestisce e ricatta, altrimenti
Penelope di notte disfà qualunque tela .  In un paese
assoggettato alla eversione non convenzionale e teatro di strategie
sotterranee complesse, questa esigenza è addirittura vitale .
COSTITUZIONE
LEGALITA” VERITA’ RIVOLUZIONE PERMANENTE 
 . SE la
rivoluzione arriva a coincidere con il far rispettare regole uguali e
di tutela per l’umanità , fondate su valori forti e condivisi
realizzando sistemi sociali ed economici coerenti, In Italia , unico
paese al mondo, la rivoluzione coincide  anche con il
ripristinate la effettiva vigenza della Costituzione , della legalità
e con la distruzione della inversione del diritto, del ruolo deviato
dei giudici e via dicendo  . La operazione di verità necessaria
è poi in sè “rivoluzionaria ” e da noi , una prima
rivoluzione costituzionale  democratica “ANTIGOLPE
PORCELLUM ” la ha fatta l’organo costituzionale supremo della
Corte Costituzionale :  “complottisti per caso ” si è
ironizzato. 
Io invertirei
destinatari e concetto .. ragazzi miei che lottate per la verità ed
il futuro del nostro paese : ” piccoli giudici costituzionale
per vocazione e non a caso ” con al posto del”tocco” i
berrettini di lana e le scoppole ed i cappellini con la visiera ..
 ..   

CDD “Siccome
che” non c’è la via violenta della rivoluzione , non certo se
ci fosse passerebbe per il populismo di professionisti o artigiani
della eversione, e qualcuno si è reso conto dello sforzo fatto per
orientare informare e dettagliare decenni di progetti di eversione
gestiti dal potere e della portata del quadro e delle prove e
conoscenze messe in campo, abbiamo deciso di usare una sigla neutra e
criticata per la terminologia e la parola “democratico “,
 per conferirla ad un intellettuale collettivo comune … anteponendola e
posponendola alla attività  o nome di ciascuno creda in questa
idea e progetto diffuso collettivo . .. GIANNI LANNES CDD, ROSARIO
MARCIANO’ CDD, CDD MAURO  MUNARI che ne dite di “SU’ la
testa CDD”, “TANKER ENEMY CDD ” e “UNNUOVOBLOGCDD
” ?!?! 
Perchè ”
M5S CDD UNIONE FORZA NUOVA”,  è un pò lungo, ma suona
mica male ?!. Oggi in particolare , che Fiore ha denunciato
pubblicamente il pericolo
 di 
eversione e
golpe massonico e di apparati , e ha fatto una cosina che può
cambiare la storia della destra italiana eversiva nell’immaginario collettivo,
semplicemente avendo detto una cosa coerente , banale e già dentro la
cultura e l’essere dei ragazzi  di forza nuova .  
Magie
della “disinformatia” che può crollare in un istante .  

CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE




SCOOP  




















CANALE VIMEO CDD

CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE